Img_00 A differenza di alcune allergie, le intolleranze alimentari non sono pericolose per la vita, ma possono essere molto problematiche per quelle interessate. Intolleranze alimentari e sensibilità sono molto comuni e sembrano salire (1). In effetti, si stima che fino al 20% della popolazione mondiale possa avere intolleranza alimentare. Intolleranze alimentari e sensibilità possono essere difficili da diagnosticare a causa della loro vasta gamma di sintomi. Questo articolo rivede i tipi più comuni di sensibilità e intolleranze alimentari, i loro sintomi e gli alimenti correlati che dovrebbero essere evitati.

Cos’è l’intolleranza alimentare?

Il termine «ipersensibilità alimentare» si riferisce a entrambe le allergie alimentari e alle intolleranze alimentari (3). Un’intolleranza alimentare non è la stessa di un’allergia alimentare, sebbene alcuni dei sintomi possano essere simili. Infatti, può essere difficile differenziare allergie e intolleranze alimentari, quindi è importante parlare con il medico se sospetti che possa avere un’intolleranza. Quando ha un’intolleranza alimentare, i sintomi tendono a iniziare a poche ore di aver ingerito il cibo a cui ha intolleranza. Tuttavia, i sintomi possono essere ritardati fino a 48 ore e ultime ore o anche giorni, il che causa il cibo che lo causa particolarmente difficile identificare (4). Inoltre, se si consumano alimenti frequentemente a quelli che hanno intolleranza, può essere difficile correlare i sintomi con un cibo specifico. Sebbene i sintomi delle intolleranze alimentari variano, il più frequente è che influenzano il sistema digestivo, la pelle e il sistema respiratorio. I sintomi più comuni includono (5):

Le intolleranze alimentari sono comunemente diagnosticate mediante diete di rimozione specificamente progettate per ridurre gli alimenti offensivi o attraverso altri metodi di prova. Le diete di eliminazione eliminano il cibo più comunemente associato ad intolleranze per un periodo di tempo fino a quando i sintomi diminuiscono. Il cibo verrà reintrodotto uno alla volta mentre i sintomi sono monitorati. Questo tipo di dieta aiuta le persone a identificare ciò che il cibo o il cibo stanno causando sintomi. Ecco 8 delle intolleranze alimentari più comuni.

1. Lattosio è uno zucchero trovato nel latte e nei prodotti lattiero-caseari.

decompone il corpo da un enzima chiamato lattasi, necessario per il lattosio da digerire e assorbito correttamente. L’intolleranza al lattosio è dovuta alla carenza di enzimi di lattasi, che causa l’incapacità di digerire il lattosio e dà origine ai sintomi digestivi. I sintomi dell’intolleranza al lattosio includono:

L’intolleranza al lattosio è estremamente comune. In effetti, si stima che il 65% della popolazione mondiale abbia problemi digerenti lattosio (8). L’intolleranza può essere diagnosticata in diversi modi, incluso un test di tolleranza al lattosio, un test del respiro lattosio o un test del lattosio o un test di pH in sgabello. «,» Se pensi che possa avere intolleranza al lattosio, evitare i prodotti lattiero-caseari che lo contengono, come latte e gelato. I formaggi invecchiati e i prodotti fermentati come Kéfir possono essere più facili da tollerare per le persone con intolleranza al lattosio, in quanto contengono meno lattosio rispetto ad altri prodotti lattiero-caseari.

Summary: L’intolleranza al lattosio è comune e comporta sintomi digestivi come diarrea, gonfiore e gas. Le persone con intolleranza al lattosio dovrebbero evitare prodotti lattiero-caseari come latte e gelato

2. Gluten

Gluten è il nome generale che viene dato alle proteine ??che sono in grano, orzo, segale e triticale Diverse malattie sono legate al glutine, compresa la celiachia, la sensibilità non celiaca del glutine e l’allergia del grano. La celiachia comporta una risposta immunitaria, quindi è classificata come una malattia autoimmune. Quando le persone con malattia celiaca sono esposte al glutine, il sistema immunitario attacca l’intestino tenue e può causare gravi danni al sistema digestivo. Le allergie al grano sono spesso confuse con la celiachia a causa dei loro sintomi simili. Differiscono nelle allergie al grano generano un anticorpo produttore allergico alle proteine ??del grano, mentre la celiachia è causata da una reazione immunologica anormale al glutine in particolare (11). Tuttavia, molte persone sperimentano sintomi spiacevoli anche quando i suoi test di rilevamento della celiachia o L’allergia al grano è negativa che questo è noto come sensibilità al glutine non celiaco, una forma più mite di intolleranza al glutine che è stata stimata che colpisce tra 0,5 e il 13% della popolazione. I sintomi della sensibilità non celiaca del glutine sono simili a quelli della celiachia e includono:

Sia la celiachia e la sensibilità non celiaca del glutine sono controllate con una dieta senza glutine. Si tratta di seguire una dieta e prodotti privi di cibo contenenti glutine, tra cui:

Salsa di soia: Gluten è una proteina trovata in grano, orzo, segale e triticale. Le persone con intolleranza al glutine possono sperimentare sintomi come il dolore addominale, il gonfiore e la testa del dolore

3. Caffeina

Caffeina è una sostanza chimica amarezzata trovata su un’ampia varietà di bevande, tra cui caffè, bevande analcoliche, bevande del tè ed energia. È uno stimolante, il che significa che riduce l’affaticamento e aumenta lo stato di avviso quando viene consumato. Blocca i recettori adenosina, un neurotrasmettitore che regola il ciclo del sonno-vigile e causa sonnolenza. La maggior parte degli adulti può consumare in sicurezza fino a 400 mg di caffeina al giorno senza alcun effetto collaterale. Questa è la quantità di caffeina in circa quattro tazze di caffè (15). Tuttavia, alcune persone sono più sensibili alla caffeina e all’esperienza reazioni anche dopo aver consumato una piccola quantità. Questa ipersensibilità alla caffeina è stata collegata alla genetica, così come con una capacità minore di metabolizzare ed escrescere la caffeina. La sensibilità alla caffeina è diversa dall’allergia alla caffeina, che coinvolge il sistema immunitario. «,» Le persone con ipersensibilità alla caffeina possono sperimentare i seguenti sintomi dopo aver consumato anche una piccola quantità di caffeina:

Le persone con sensibilità alla caffeina devono minimizzare il loro consumo evitando cibo e bevande contenenti caffeina, tra cui caffè, bevande analcoliche, bevande energetiche, tè e cioccolato.

Summary: Caffeine è uno stimolante comune che alcune persone sono ipersensibili. Anche una piccola quantità può causare ansia, battito cardiaco rapido e insonnia in alcuni individui

4. In effetti, è stato dimostrato che gli alimenti ricchi di questi composti proteggono da determinate malattie come il cancro del colon-retto (19).

Queste sostanze chimiche naturali si trovano in una vasta gamma di cibo, tra cui frutta, verdure, tè, caffè, spezie, noci e miele. Oltre ad essere una componente naturale di molti alimenti, i salicilati vengono spesso utilizzati come conservanti alimentari e possono essere trovati nei farmaci. Sebbene le quantità eccessive di salicilati possano causare problemi di salute, la maggior parte delle persone non ha problemi a consumare la normale quantità di salicilati trovati nel cibo. Tuttavia, alcune persone sono estremamente sensibili a questi composti e sviluppano reazioni avverse quando consumano anche piccole quantità. I sintomi dell’intolleranza salicilato includono:

Sebbene sia impossibile Per eliminare completamente i salicilati della dieta, le persone con intolleranza al salicilato dovrebbero evitare cibi ricchi di salicilati come spezie, caffè, uvetta e arance, così come cosmetici e farmaci contenenti salicilati.

Summary: I salicilati sono sostanze chimiche che si trovano naturalmente in molti alimenti e sono utilizzate come conservanti nel cibo e nei farmaci. Le persone che hanno intolleranza ai salicilati possono sperimentare sintomi come orticaria, congestione nasale e diarrea quando

è esposto 5. Le ammine sono prodotte da batteri durante lo stoccaggio e la fermentazione del cibo e si trovano in un’ampia varietà di cibo.

Sebbene ci siano molti tipi di ammine, l’istamina è più frequentemente associata alle intolleranze legate al cibo. L’istamina è una sostanza chimica del corpo che svolge un ruolo nei sistemi immunitari, digestivi e nervosi. Aiuta a proteggere il corpo dalle infezioni creando una risposta infiammatoria immediata agli allergeni. Questo innesca starnuti, prurito e occhi acquosi al fine di potenzialmente escrescere invasori dannosi. Nelle persone senza intolleranza, l’istamina viene metabolizzata ed espulsa facilmente. Tuttavia, alcune persone non sono in grado di decomporre correttamente l’istaminazione, facendoli accumulare nel corpo. Il motivo più comune di intolleranza all’istamina è l’alterazione della funzione di enzimi responsabili della decomposizione dell’istamina: diamino ossidasi e n-metiltransferasi. I sintomi dell’intolleranza all’istamina includono:

Le persone con un’intolleranza all’istamina dovrebbero evitare cibi con un alto contenuto di questa sostanza chimica naturale, tra cui:

Sommario: L’istamina è un composto che può causare sintomi come il prurito, orticaria e crampi Macales in persone che non possono decompose ed escrescarlo correttamente dal corpo.

6. Fodmaps

I fodmaps è un’abbreviazione che significa oligo-, di-, monosaccaridi e polioli fermentabili (24). Sono un gruppo di carboidrati a catena corta che sono naturalmente trovati in molti alimenti e possono causare disturbi digestivi. I fodmaps sono scarsamente assorbiti nell’intestino tenue e viaggiano nell’intestino crasso, dove sono usati come combustibile per i batteri intestinali lì. I batteri si rompono o «fermentare» i fodmaps, che producono gas e provoca gonfiore e disagio. Questi carboidrati hanno anche proprietà osmotiche, il che significa che portano acqua al sistema digestivo, causando diarrea e disagio (25). I sintomi dell’intolleranza al fodmap includono:

Le persone con intolleranza al fruttosio spesso sono anche sensibili ad altri fodmaps e possono beneficiare di seguire una bajadieta fodmap. Per controllare i sintomi relativi al cattivo assorbimento del fruttosio, i seguenti alimenti con contenuti ad alto contenuto di fruttosio (36) dovrebbero essere evitati:

Summary: Fruttosio è uno zucchero semplice che è scarsamente assorbito da molte persone. Può causare sintomi come Gonfiore, gas e diarrea In coloro che non possono assorbire adeguatamente

altre intolleranze alimentari

intolleranze alimentari elencate sopra sono tra i tipi più comuni, tuttavia, ci sono molti altri alimenti e ingredienti a cui le persone possono essere intolleranti, tra cui:

  • Aspartame: Aspartamo è un dolcificante artificiale che è comunemente usato come sostituto dello zucchero. Sebbene la ricerca sia contraddittoria, alcuni studi hanno segnalato effetti collaterali come depressione e irritabilità nelle persone con sensibilità.
  • uova: alcune persone hanno difficoltà a digerire il bianco dell’uovo ma non sono allergici alle uova. L’intolleranza all’uobbio è associata a sintomi come la diarrea e il dolore addominale.
  • MSG: Monoosodium Glutamate, o MSG, è usato come additivo che migliora il gusto del cibo. È necessaria più ricerche, ma alcuni studi hanno dimostrato che grandi quantità possono causare mal di testa, orticaria e dolore al petto.
  • coloranti alimentari: è stato dimostrato che i coloranti alimentari come la rete 40 e il giallo 5 causano reazioni di ipersensibilità in alcune persone. I sintomi includono orticaria, gonfiore della pelle e della congestione nasale (41).
  • lievito: le persone con intolleranza al lievito generalmente sperimentano sintomi meno gravi rispetto a quelli con allergie al lievito. I sintomi sono in genere limitati al sistema digestivo.
  • Alcoli zuccheri: gli alcoli zuccheri sono spesso usati come alternative senza calorie allo zucchero.

Summary: Ci sono molti additivi alimentari e alimentari a cui le persone sono intolleranti. Coloranti alimentari, GMS, uova, aspartame e alcoli zuccheri hanno dimostrato di causare sintomi in certe persone.

Il risultato finale

intolleranze alimentari differiscono da allergie. La maggior parte non attiva il sistema immunitario e i loro sintomi tendono ad essere meno gravi. Tuttavia, possono avere un impatto negativo sulla tua salute e dovrebbero essere presi sul serio. Molte persone sono intolleranti o ipersensibili al cibo e ad additivi quali latticini, caffeina e glutine. Se sospetti che possa avere intolleranza a un determinato cibo o additivo alimentare, parlare con il medico o il tuo dietologico sulle opzioni di test e trattamento. Sebbene gli intolleranze alimentari siano solitamente meno gravi delle allergie alimentari, possono influire negativamente sulla loro qualità della vita. Ecco perché è importante prendere misure per identificare intolleranze alimentari al fine di prevenire sintomi indesiderati e problemi di salute.

Video:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.