sensibilità e intolleranze alimentari sono problemi comuni che possono essere difficili da diagnosticare. Sebbene la sensibilità al salicilato, nota anche come intolleranza al salicilato, non è così comune come intolleranza al glutine o lattosio, è un vero problema per alcune persone. I salicilati sono composti trovati in alimenti, medicinali e altri prodotti che possono causare reazioni avverse in quelle intolleranti. La sensibilità a questi composti è associata a un’ampia varietà di sintomi, il che rende difficile la sua identificazione. Questo articolo spiega le cause e i sintomi della sensibilità salicilato, incluso ciò che il cibo da evitare.

Quali sono i salicilati?

I salicilati sono un gruppo di sostanze chimiche derivate dall’acido salicilico. Si trovano naturalmente in alcuni cibi e si verificano anche sinteticamente per l’uso in prodotti come aspirina, dentifricio e conservanti alimentari. Sia la forma naturale che quella sintetica possono causare reazioni avverse in alcune persone. Nella sua forma naturale, le piante producono salicilati per difendersi da elementi dannosi come insetti, funghi e malattie. Questa forma si trova in una vasta gamma di cibo, tra cui frutta, verdura, caffè, tè, noci, spezie e miele. Nel frattempo, la forma sintetica è comunemente usata come conservante alimentari e si trova in farmaci come l’aspirina e il pepto-bismolo. In confronto con il cibo, i farmaci come l’aspirina contengono elevate quantità di salicilati, quindi l’intolleranza al salicilato è più comunemente legata ai farmaci. Ad esempio, l’assunzione dietetica di salicilati è di solito 10-200 mg al giorno.00.Praparativamente, una singola dose di aspirina può contenere 325-650 mg, a seconda del tipo.

Summary: I salicilati sono sostanze chimiche che si trovano naturalmente in alcuni cibi e si verificano anche sinteticamente per l’uso in medicinali e altri prodotti.

Cosa causa la sensibilità salicilata?

Sebbene il consumo di quantità eccessive di salicilati possa causare reazioni avverse a chiunque, la maggior parte delle persone può consumare cibi quotidiani in modo sicuro o prendere un paio di aspirina di volta in volta per il mal di testa. Tuttavia, le persone con sensibilità ai salicilati possono sperimentare effetti collaterali quando consumano un cibo o usano un prodotto che contiene anche piccole quantità di queste sostanze chimiche. Si ritiene che la sensibilità ai salicilati sia causata da una sovrapproduzione dei leucotrieni, che sono mediatori infiammatori che sono stati legati a una varietà di condizioni, tra cui asma, artrite reumatoide e malattia intestinale infiammatoria. Questa sovrapproduzione è causata dall’inibizione della cicloossigenasi, un enzima che regola la produzione di leucotrienes. L’accumulo di leucotrienes nel corpo produce sintomi legati all’olloleranza al salicilato sebbene la percentuale di persone che hanno intolleranza al salicilato sia sconosciuta. Comune negli adulti che soffrono. dall’asma. Infatti, si stima che tra il 2 e il 22% degli adulti con l’asma siano sensibili a questi composti. È stato anche dimostrato che le persone con allergie alimentari e malattie intestinali infiammatorie hanno maggiori probabilità di subire questa intolleranza.

Abstract: Le persone con intolleranza al salicilato non possono nemmeno consumare piccole quantità di queste sostanze chimiche senza sperimentare effetti collaterali negativi.

Sintomi della sensibilità salicilato

La sensibilità salicilato può causare vari sintomi che imitano allergie e malattie. Inoltre, alcune persone sperimentano solo i loro sintomi in presenza di allergie non correlate, il che rende una condizione difficile da diagnosticare. I sintomi più comuni compromettono il tratto respiratorio, ma anche la pelle e il tratto intestinale possono anche essere influenzati. I sintomi includono:

Tuttavia, tieni presente che i sintomi possono variare da una persona all’altra. Il numero di salicilati che innescano una reazione può variare a seconda della capacità dell’individuo di decomporre loro. Pertanto, alcune persone sperimentano i sintomi dopo essere stati esposti a una piccola quantità di queste sostanze chimiche, mentre altri possono tollerare importi più elevati prima che venga attivata una reazione.

Summary: La sensibilità salicilato è legata a una varietà di sintomi, tra cui congestione nasale, asma, diarrea e orticaria, e può essere difficile da diagnosticare perché i sintomi possono variare da una persona all’altra.

Quali alimenti contengono salicilati?

Vari alimenti contengono salicilati. I frutti, le verdure e le spezie tendono a contenere gli importi più elevati, anche se si trovano anche in altri alimenti. Il livello di salicilato di un alimento può variare a seconda di diversi fattori, come condizioni culturali, preparazione e livello di maturità. Ad esempio, i frutti secchi contengono importi più elevati rispetto ai frutti grezzi a causa della rimozione dell’acqua durante l’elaborazione. Il cibo con il contenuto di salicilato più alto include:

Questo elenco non è esaustivo, dal momento che ci sono molte altre fonti alimentari di questi composti. A parte il cibo, si possono ritrovarsi in una serie di prodotti non alimentari, tra cui:

Inoltre, i salicilati possono essere assorbiti da La pelle, così le persone con intolleranza dovrebbero anche conoscere gli ingredienti di lozioni, detergenti e profumi. La fonte più potente è l’aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei (NSAID), compreso Ibuprofen.

Summary: I salicilati possono essere trovati in vari alimenti e si trovano anche in prodotti non alimentari come dentifricio e farmaci.

Diagnosi e trattamento

Sebbene l’intolleranza sia stata stabilita per salicelato in farmaci come l’aspirina, la ricerca che esplora l’intolleranza al salicilato nel cibo. Attualmente, non ci sono test di laboratorio per diagnosticare. Tuttavia, alcuni test possono essere eseguiti per escludere un’allergia. Il test standard per il salicilato nei farmaci è esposizione o provocazione, che consiste nella somministrazione di una piccola quantità di acido salicilico e di controllo dei sintomi. Questo test è amministrato solo da professionisti medici, poiché ci possono essere reazioni gravi. In quelli con una conosciuta intolleranza all’aspirina e ad altri farmaci che contengono salicilati, è necessario evitare questi farmaci. Tuttavia, una sensibilità diagnosticata con aspirina e altri farmaci con un alto contenuto di salicilati non significa necessariamente che sia necessario evitare gli alimenti ricchi di salicilati. Questo perché i farmaci come l’aspirina contengono quantità molto più elevate di loro del cibo, e un’intolleranza di solito dipende dalla dose. Tuttavia, le persone che sono estremamente sensibili ai salicilati possono beneficiare della restrizione del loro apporto di cibo che li contengono. Per diagnosticare l’intolleranza ai salicilati, gli indicatori migliori sono una storia medica dettagliata, che include cibo e sintomi quotidiani. Se si sospetta un’intolleranza, una dieta di rimozione che esclude gli alimenti ricchi di salicilati è solitamente l’opzione di trattamento della scelta.

Summary: La diagnosi dell’intolleranza alimentare ai salicilati di solito comporta una storia dettagliata di dieta e sintomi correlati eseguiti da un medico professionale. Per coloro che sono molto sensibili ai salicilati alimentari, una dieta limitata può essere necessaria nei salicilati.

Dovresti evitare i salicilati?

Non vi è alcun motivo per evitare salicilati a meno che non si sospetti di avere un’intolleranza a loro, o il medico lo consiglia. Una dieta bassa in salicilati può essere restrittiva. Inoltre, eliminare inutilmente gli alimenti ricchi di questi composti possono essere dannosi per la salute. Infatti, i salicilati sono antinfiammatori. È stato dimostrato che gli alimenti ricchi di loro riducono il rischio di malattie infiammatorie come il cancro del colon-retto. Inoltre, frutta, verdura e spezie in questi composti sono vantaggiose per la salute e contengono molte vitamine, minerali e potenti composti vegetali che aiutano a mantenerti sano. Tuttavia, le persone che sperimentano i sintomi dopo aver consumato cibi ricchi di salicilato dovrebbero prendere in considerazione di evitarli. Poiché l’intolleranza è solitamente correlata alla dose e che molti alimenti contengono questi composti, la cosa migliore che puoi fare è limitare solo gli alimenti che contengono i più alti importi. Va tenuto conto che la ricerca sulle diete ristrette salicilato è molto limitata, quindi i suoi effetti a lungo termine sono sconosciuti. In uno studio, 74 bambini che sono stati sottoposti a una dieta ristretta in salicilato sperimentato carenze nutrizionali e avversione al cibo. Per questo motivo, una dieta rimozione limitata di salicilato deve essere controllata da un medico.

Summary: Solo quelli che sono molto sensibili ai salicilati devono seguire una dieta limitata di salicilato. I cibi ricchi in questi composti hanno molti benefici per la salute e dovrebbero essere eliminati solo dalla dieta se si sospetta un’intolleranza.

I salicilati

essenziali sono una componente naturale di molti alimenti e si trovano in molti farmaci e altri prodotti non alimentari. Sebbene la maggior parte delle persone possa tollerare questi composti, alcuni sono estremamente sensibili a loro. Quelli con sensibilità salicilato potrebbero essere necessari per evitare cibo, farmaci e prodotti con un alto contenuto di salicilato. C’è molto da scoprire dell’intolleranza al salicilato e gli effetti a lungo termine di una dieta ristretta in salicilato sono sconosciuti. I salicilati si trovano in innumerevoli cibo e prodotti, rendendo difficile evitarli completamente. A causa della sua vasta gamma di sintomi, l’intolleranza al salicilato è solitamente difficile da diagnosticare e le opzioni di trattamento sono limitate in questo momento. Se pensi che possa essere sensibile ai salicilati, parlare con il medico per assicurarti che le opzioni di diagnosi e di trattamento siano adeguate.

Video:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.