Diete a basso contenuto di carboidrati e diete chetogeniche sono incredibilmente sane. Hanno benefici chiari e potenzialmente risparmio per alcune delle malattie più gravi del mondo. Ciò include l’obesità, il diabete di tipo 2, la sindrome metabolica, l’epilessia e molti altri. I fattori di rischio più comuni della malattia cardiaca tendono a migliorare molto, per la maggior parte delle persone. Secondo questi miglioramenti, le diete a basso contenuto di carboidrati dovrebbero ridurre il rischio di malattia cardiaca. Ma anche se questi fattori di rischio migliorano in media, potrebbero esserci individui all’interno di quelle medie che sperimentano miglioramenti e altri che vedono effetti negativi. Sembra che ci sia un piccolo sottoinsieme di persone che sperimentano un aumento dei livelli di colesterolo con una dieta a basso contenuto di carboidrati, in particolare una dieta ketogenica o una versione di Paleo molto alta in grasso. Ciò include aumenti del colesterolo totale e LDL … nonché aumenti di marcatori avanzati (e molto più importante) come il numero di particelle LDL. Naturalmente, la maggior parte di questi «fattori di rischio» sono stati stabiliti nel contesto di una dieta ad alta occidentali in carboidrati e calorie e non sappiamo se hanno gli stessi effetti su una dieta sana carboidrati che riduce l’infiammazione e lo stress ossidativo. Tuttavia … è meglio evitare di rimpianti e ritengo che questi individui dovrebbero prendere alcune misure per abbassare i loro livelli, in particolare coloro che hanno una storia familiare di malattie cardiache. Fortunatamente, non è necessario seguire una dieta a basso contenuto di grassi, mangiare oli vegetali o prendere statine per abbassare i livelli. Alcune semplici aggiustamenti ti serviranno e puoi continuare a raccogliere tutti i benefici metabolici di mangiare basso in carboidrati.

Breakdown – I tuoi livelli veramente alti?

L’interpretazione dei numeri di colesterolo può essere abbastanza complicata. La maggior parte delle persone ha familiarità con il colesterolo totale, l’HDL e LDL. Le persone con il colesterolo HDL alto (buono «hanno un basso rischio di malattie cardiache, mentre le persone con il colesterolo LDL alto (cattivo») hanno un rischio più elevato. Ma la vera immagine è molto più complicata del «buono» o del «cattivo» … Il «cattivo» LDL ha effettivamente sottotipi, soprattutto sulla dimensione delle particelle. Le persone che hanno per lo più piccole particelle LDL hanno un alto rischio di malattie cardiache, mentre coloro che hanno particelle di grandi dimensioni hanno un basso rischio. Tuttavia, la scienza sta ora dimostrando che il marker più importante di tutti è il numero di particelle LDL (LDL-P), che misura quante particelle LDL fluttuano nel flusso sanguigno. Questo numero è diverso dalla concentrazione LDL (LDL-C), che misura quanto il colesterolo trasporta le particelle LDL. È importante che tu faccia correttamente queste analisi per sapere se hai davvero qualcosa di cui preoccuparsi. Se è possibile, chiedi al tuo medico di misurare il LDL-P (numero di particelle LDL) … o APOB, che è un altro modo per misurare il numero di particelle LDL. Se il tuo colesterolo LDL è alto, ma il numero di particelle LDL è normale (ciò che è chiamato Discordance), probabilmente non hai nulla di cui preoccuparsi. In una dieta a basso contenuto di carboidrati, HDL tende a salire e trigliceridi per cadere, mentre il colesterolo totale e LDL tendono a rimanere uguali. La dimensione delle particelle LDL tende ad aumentare e il numero di particelle LDL tende a scendere. Tutte le cose buone. Ma ancora … questo è ciò che è in media . All’interno di quelle medie, sembra che un sottoinsieme di persone in una dieta ketogenica bassa carboidrati ottenga un aumento del colesterolo totale, del colesterolo LDL e del numero di particelle LDL. Questo fenomeno è descritto in dettaglio qui dal Dr. Thomas Dayspring, uno dei lipidologi più rispettati del mondo (un Consiglio per il Dr. Axel Sigurdsson): Lipidohólicos caso anonimo 291: la perdita di peso può pesare i lipidi? Se vuoi approfondire la scienza dietro questo aumento del paradosso nel colesterolo in una dieta ketogenica, quindi leggere quell’articolo (è necessario registrarsi con un account gratuito). Sfortunatamente, non tutti possono misurare marcatori avanzati come LDL-P o APOB, perché questi test sono costosi e non sono disponibili in tutti i paesi. In questi casi, il colesterolo non HDL (colesterolo totale – HDL) è un indicatore abbastanza accurato che può essere misurato in un pannello lipidico standard. Se il tuo non-HDL è elevato, allora è anche un motivo per adottare misure per cercare di abbassarlo.

In sintesi: Un sottoinsieme di individui sperimenta un aumento del colesterolo in una dieta a basso contenuto di carboidrati, specialmente se è il grasso ketogenico e ultra alto. Ciò include LDL elevato, nessun HDL e indicatori importanti come numero di particelle LDL.

Condizioni mediche che possono aumentare il colesterolo

È anche importante scartare le condizioni mediche che possono causare il colesterolo alto. Questi non hanno nulla a che fare con la dieta in sé. Un esempio di questa è la riduzione della funzione tiroidea. Quando la funzione della tiroide è inferiore rispetto all’ottimale, il colesterolo totale e il LDL possono aumentare. Un’altra cosa da considerare è la perdita di peso … in alcuni individui, la perdita di peso può aumentare temporaneamente il colesterolo LDL. Se i tuoi livelli saliranno in un momento in cui stai perdendo peso rapidamente, potresti voler aspettare alcuni mesi e quindi misurarli di nuovo quando il peso stabilizza. È anche importante escludere una condizione genetica come ipercolesterolemia della famiglia, che colpisce circa 1 su 500 persone ed è caratterizzata da livelli di colesterolo molto elevati e ad un alto rischio di malattie cardiache. Naturalmente, ci sono molte sottili differenze genetiche tra noi che possono determinare le nostre risposte a diete diverse, come diverse versioni di un gene chiamato APOE. Ora che tutto ciò che è fuori strada, diamo un’occhiata ad alcuni passaggi operativi che possono intraprendere per abbassare i livelli di colesterolo.

su Summary: Assicurarsi di scartare qualsiasi condizione medica o genetica che potrebbe causare l’avvio di colesterolo alto.

Rimuovere il caffè antiproiettile dalla tua dieta

il caffè «antiproiettile» è molto alla moda nelle comunità di carboidrati basse e Paleo. Si tratta di aggiungere 1-2 cucchiai di olio MCT (o olio di cocco) e 2 cucchiai di burro nella tua tazza di caffè del mattino. Non l’ho provato, ma molte persone dicono di conoscere deliziosi, dà loro energia e uccide il loro appetito. Bene … Ho scritto molto su caffè, grassi saturi, burro e olio di cocco. Amo tutti loro e penso che siano molto sani. Tuttavia, anche se la quantità «normale» di qualcosa è buona per te, non significa che le quantità massicce siano migliori. Tutti gli studi che mostrano che i grassi saturi sono innocui usano importi normali … cioè quantità che la persona media consuma. Non c’è modo di sapere cosa succede se inizi ad aggiungere quantità massicce grasso saturo alla tua dieta, specialmente se stai mangiando invece di altri cibi più nutrienti. Ho anche ascoltato rapporti di medici amichevoli di carboidrati (Drs Spencer Nadolsky e Karl Nadolsky. Avevano pazienti con contenuti a basso contenuto di carboidrati con un massiccio aumento del colesterolo i cui livelli sono stati normalizzati quando hanno smesso di bere il caffè da Bulletproof. Se bevi il caffè al proiettile E hai problemi di colesterolo, allora la prima cosa che dovresti fare è cercare di eliminarlo dalla tua dieta.

in sintesi: Prova a eliminare il caffè proiettile dalla tua dieta, questo da solo può essere sufficiente per risolvere il tuo problema.

Sostituire alcuni grassi saturi con grassi monoinsaturi

in monolocali di qualità più grandi e superiori, i grassi saturi non sono legati all’aumento di attacchi di cuore o morte dalla malattia cardiaca. Tuttavia …. Se hai problemi con il colesterolo, allora è una buona idea Per cercare di sostituire alcuni dei grassi saturi che stai mangiando con i grassi OnInata. Questa semplice modifica può aiutare a ridurre i livelli. Cucina con olio d’oliva invece di burro e olio di cocco. Tutti questi alimenti sono caricati con grassi monoinsaturi. Se questo da solo non funziona, allora potresti voler iniziare a sostituire alcune delle carni grasse che stai mangiando per carni più magre. Non riesco ad enfatizzare l’olio d’oliva abbastanza … L’olio di qualità verginale extra ha molti altri benefici per la salute della salute che vanno oltre i livelli di colesterolo. Proteggere particelle di ossidazione LDL, riducono l’infiammazione, migliora il funzionamento dell’endotelio e può persino ridurre la pressione sanguigna. È sicuramente un super cibo per il cuore e credo che chiunque sia a rischio di malattie cardiache dovrebbe usare l’olio d’oliva, indipendentemente dal fatto che il tuo colesterolo sia alto o meno. «, ‘È anche importante mangiare pesce grasso con contenuto acido acido omega -3 grasso, almeno una volta alla settimana. Se non puoi o non vuoi mangiare pesce, invece con l’olio di pesce.

In sintesi: I grassi monoinsaturi, come quelli trovati in olio d’oliva, avocado e noci, possono avere effetti di riduzione del colesterolo rispetto ai grassi saturi

Salvare la chetosi e mangiare più carboidrati ricchi di fibre e cibo reale

c’è un comune fraintendere che una dieta a basso contenuto di carboidrati deve essere chetogenica. Cioè, i carboidrati dovrebbero essere abbastanza bassi in modo che il corpo comincia a produrre chetoni da acidi grassi. Questo tipo di dieta sembra essere il più efficace per le persone con epilessia. Molte persone affermano anche ottenere i migliori risultati, sia mentali che fisici, quando sono in chetosi. Tuttavia … Una restrizione più modesta di carboidrati può essere ancora considerata bassa in carboidrati. Sebbene non vi sia una definizione chiara, nulla fino a 100-150 grammi al giorno (a volte più alto) può essere classificato come una dieta a basso contenuto di carboidrati. È possibile che alcuni individui vedano il colesterolo aumenta quando sono in chetosi, ma migliorano quando mangiano sufficienti carboidrati per evitare di entrare in chetosi. Puoi provare a mangiare 1-2 pezzi di frutta al giorno … forse una patata o una patata dolce o piccole porzioni di amidi sani come riso e farina d’avena. A seconda della tua salute metabolica e delle tue preferenze personali, potresti anche adottare una versione Paleo più alta in carboidrati. Questo può anche essere una dieta molto sana, come dimostrato da popolazioni di longeva come Kitavans e Okinawans, che mangiavano molti carboidrati. Sebbene la chetosi possa avere molti vantaggi incredibili, non è sicuramente per tutti. Altre forme naturali di riduzione dei livelli di colesterolo comprendono il consumo di alimenti ricchi di fibre solubili o amido resistenti, e prendere un supplemento della niacina. Esercizio, dormire meglio e minimizzare i livelli di stress può anche aiutare.

Take il messaggio Home

Nessuno dei suggerimenti in questo articolo deve essere considerato come un consiglio medico. Nota che non sto suggerendo che le diete grasse sature o a basso contenuto di carboidrati sono «cattive», questa è solo una guida di problem solving per il piccolo sottoinsieme di persone che hanno problemi di colesterolo in una dieta a basso contenuto di carboidrati e / o paleo. Non ho cambiato idea delle diete basse di carboidrati … una dieta a basso contenuto di carboidrati cetogenico, basato su cibi veri, con circa 100 grammi di carboidrati al giorno. Alla fine della giornata, le diete a basso contenuto di carboidrati sono ancora incredibilmente sane e molto benefici superano i negativi per la maggior parte delle persone, ma potrebbe essere necessario un sottoinsieme di individui per effettuare alcuni aggiustamenti in modo che la dieta funzioni per loro.

Video:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.